10 luglio 2017

Recensione "Tutta colpa di un like" di Lorena Lorici

Ho avuto l'occasione di leggere Tutta colpa di un like di Lorena Lorici grazie a Booktribu, una realtà editoriale che promuove gli scrittori esordienti italiani. Ho terminato il libro qualche mese fa, ma non sapevo bene cosa scrivere perché mi ha lasciata confusa. Adesso vi spiego meglio!

Tutta colpa di un like, Lorena Lorici
pag. 271 , novembre 2016, Booktribu
COMPRALO SU AMAZON
Cleo, stralunata libraia trentacinquenne, viene lasciata un piovoso giovedì di dicembre dal suo storico fidanzato Silvio con un messaggio incisivo e laconico su WhatsApp, il cui testo è un grande classico: «Non me la sento, non sei tu, sono io». Cleo apre un profilo Facebook e si imbatte nei più svariati personaggi che navigano in rete. Davide, il felicemente sposato; Leonardo, l'adulatore seriale; Tobias, il toy boy. Ormai sfiduciata e convinta dell'inesistenza del libero arbitrio, Cleo decide di affidare il suo destino amoroso a uno strampalato gioco coi dadi, che la vedrà così invischiata suo malgrado in situazioni esilaranti. Si racconta l'amore oggi, le difficoltà dei rapporti, gli incontri, i tradimenti dall'avvento di internet, e sempre in modo estremamente comico si ironizza sul libero arbitrio e il destino.
Tutta colpa di un like è un libro con un ottimo potenziale che a parer mio non è stato sfruttato bene. Aveva tutte le premesse per essere una lettura simpatica e poco impegnativa e per certi versi è stato così, peccato che l'abbia trovata molto sconclusionata.

Vorrei potervi riassumere la trama, ma mi rendo conto che è un po' complicato perché non c'è una vera e propria trama. Racconta le avventure di Cleo, la protagonista, che dopo essersi iscritta su facebook incontra gli utenti tipo: il "felicemente" sposato, il poeta, il misterioso. Ma in realtà la storia non gira intorno a questo, ma, come dicevo, alla vita di Cleo, quindi tutti gli eventi sono narrati con la stessa importanza, persino i dettagli più rilevanti sono messi sullo stesso piano di quelli banali.

Non succede niente di eclatante, la storia procede su una strada piana, i personaggi non colpisco più di tanto. Anche se l'autrice si impegna per renderli a tutto tondo, alla fine restano sempre un po' irreali per il loro comportamento portato all'esagerazione. Di alcuni personalmente non ne ho capito nemmeno il ruolo, dato che sembravano avere una certa importanza, ma che poi venivano liquidati così.

L'unico aspetto degna di nota, in un certo senso, potrebbe essere il finale perché è piuttosto insolito, ma penso anche che sia stato gestito male. Voglio dire, l'idea che non finisca come ci si aspetta è fantastico, però non si può dare una svolta di questo tipo all'improvviso, facendo entrare in scena un personaggio cinque pagine prima, quando per tutto il libro la protagonista sta sbavando per un altro tipo, eh.

Lo stile dell'autrice è interessante e per un po' ha reso la lettura piacevole, peccato però che la storia, essendo appunto piatta e piuttosto lunghetta, dopo un po' inizia a stancare perché sembra non avere un vero e proprio obiettivo.

Secondo me poteva anche essere un libro carino se appunto fosse stato gestito meglio. Sinceramente io non lo consiglierei, ma non mi sento nemmeno di sconsigliarlo del tutto perché, insomma, ognuno ha i suoi gusti.

Mi fate sapere se lo avete letto o se vi incuriosisce? :) 

6 commenti:

  1. Non l'ho letto, ma secondo me, il fatto che tu dici che tutto il racconto sembra un pò "piatto" è perchè vuole trasmettere quello che veramente si prova in questo tipo di relazioni effimere: il nulla. Comunque è interessante, è un tema che mi incuriosisce molto!

    the smell of friday ☕

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uhm, non piatto a livello di emozioni, ma a livello di trama proprio. E' come se l'autrice volesse raccontare una normalissima storia di una normalissima ragazza, solo che per chi legge non risulta per niente interessante, ma piuttosto banale perché non succede niente che ti fa restare con il fiato sospeso!

      Elimina
  2. mi incuriosisce molto il titolo, peccato non ti abbia preso al 100%

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già! l'idea di base era carina :c

      Elimina
  3. Mi spiace che il libro non abbia sfruttato le sue potenzialità, dalla trama sembrava promettente (e anche la copertina è davvero carina!)

    RispondiElimina

Lascia un segno del tuo passaggio. I vostri commenti sono l'anima del blog. Lo spam sarà automaticamente cancellato.